F ONDAZIONE FEDERICO OZANAM
VINCENZO DE PAOLI
ONLUS
E
retta in Ente Morale con D. M. del 27/1/ 2000

 

Via della Pigna 13/a 00186 Roma  Tel. 06/64012718  

fondazioneozanam@libero.it        F.Ozanam Facebook 

Sede Legale: C/O Studio Menna, Via Germanico 107, 00192 ROMA  C.F.96386120586

 

*HOME


*NEWS


*PROGETTI


*ATTIVITA'


*PUBBLICAZIONI


*ORGANIZZAZIONE


*INVENTARIO ARCHIVIO


*CATTEDRA OZANAM


*PREMIO CASTELLI

S. VINCENZO DE PAOLI

FEDERICO OZANAM

GIORGIO LA PIRA


*LINKS

 

 

PRESENTAZIONE  DELLA FONDAZIONE

 

 

ATTIVITA'

 

 

COME CONTRIBUIRE

 

 

 

 

 

PRESENTAZIONE  DELLA FONDAZIONE

 

La Fondazione “Federico Ozanam – Vincenzo De Paoli per la promozione culturale della solidarietà sociale” è stata costituita a Roma agli inizi del 1999 da alcuni membri della Società di San Vincenzo De Paoli e dei Gruppi di Volontariato Vincenziano.

La Fondazione Federico Ozanam - Vincenzo De Paoli ha ottenuto il riconoscimento di ONLUS l'11 gennaio 2010

Federico Ozanam nel 1833, studente universitario a Parigi, fondò le Conferenze di San Vincenzo De Paoli. Fu poi docente alla università della Sorbona, occupandosi soprattutto di letterature straniere e in particolare italiana con il Medio Evo e Dante. Partecipò personalmente agli avvenimenti sociali e politici del suo tempo, tra il primo e il secondo impero napoleonico. E' considerato giustamente uno degli anticipatori del pensiero sociale della Chiesa cattolica. Egli seppe così unire cultura e impegni di carità.

Il riferimento a san Vincenzo De Paoli sottolinea l’inserimento nella grande tradizione nata dal santo della carità per eccellenza, fondatore della Congregazione della Missione e delle Figlie della Carità e nel 1617 iniziatore delle Compagnie della Carità, oggi Gruppi di Volontariato Vincenziano.

La Fondazione si giova di un Comitato scientifico di docenti universitari e di esperti con diverse competenze e comprende nel suo Consiglio di Amministrazione vari esponenti delle organizzazioni vincenziane.

Il sottotitolo “per la promozione culturale della solidarietà sociale” indica la finalità della Fondazione stessa.

La solidarietà è a fondamento della soluzione di tutti i problemi di natura sociale ed economica: solidarietà dei poveri tra di loro, dei ricchi e dei poveri, dei lavoratori e degli imprenditori, solidarietà tra le nazioni ed i popoli. Essa è una esigenza di ordine morale e la pace nel mondo dipende da essa.

La Fondazione rivolge la sua attenzione soprattutto al variegato e complesso mondo del volontariato, che si riconosce nella gratuità del suo impegno e nella donazione di sé all’altro. Le organizzazioni vincenziane fondano questo impegno nella stessa carità evangelica.

Ugualmente la solidarietà è integrazione tra strutture pubbliche e volontariato organizzato, il quale è divenuto sempre di più una componente essenziale della società civile di oggi, non con compiti di sola delega ma in quanto portatore di propri e autonomi valori.

Pur nella distinzione, evidente, dei diversi ruoli tra il settore pubblico, quello professionale da un lato ed il volontariato dall’altro, quest’ultimo ha bisogno dell’approfondimento dei compiti che specificatamente gli competono e di uscire da forme di semplice “volontarismo” generico e di approssimazione.

La Fondazione intende quindi elaborare sotto i profili culturali e scientifici le problematiche di natura sociale, sanitaria, economica, ecc. intorno alle situazioni di maggiore disagio ed emarginazione presenti oggi, con una particolare attenzione a quelle più trascurate o talvolta dimenticate per i loro aspetti più difficili da risolvere e alle quali il volontariato presta maggiormente la sua attenzione.

La Fondazione promuove inoltre ricerche storiche con particolare attenzione alle organizzazioni Vincenziane.

 

ATTIVITA'

 

La Fondazione, non ha fini di lucro e si propone di attuare la promozione culturale della solidarietà sociale mediante alcune delle seguenti attività:

-attività formative culturali in materia caritativa e solidaristica promuovendo ed organizzando a livello nazionale e locale:

-convegni, seminari, conferenze;

- corsi di formazione tecnica e culturale, rivolti  ai membri delle organizzazioni vincenziane e agli operatori sociali, agli insegnanti, alle famiglie, ai giovani;

- corsi di formazione professionale a giovani in difficoltà economiche, per fornire opportunità di inserimento sociale;

-contatti e collaborazione  con le organizzazioni vincenziane e con altre associazioni e fondazioni con analoghe finalità;

-erogare borse di studio e di ricerca per studenti universitari e laureati che abbiano specifici interessi nell'ambito delle tematiche relative alla giustizia, alla carità, alla solidarietà, al loro sviluppo storico nell'età moderna e contemporanea;

-borse di studio a giovani meritevoli culturalmente, in difficili condizioni economiche;

-promuovere pubblicazioni e riviste culturali che curino le tematiche di solidarietà sociale secondo F. Ozanam e Vincenzo De Paoli;

- curare gli archivi storici delle organizzazioni vincenziane;

-elaborare e sostenere lo studio di progetti di solidarietà sociale e tutela dei diritti civili promossi dalle organizzazioni vincenziane;

-studio, informazione e progettazione in materia sociale e solidaristica;

-promuovere studi per l'istituzione di una cattedra universitaria o iniziative didattiche relative alle tematiche della solidarietà in campo sociale e vincenziano.

 

COME CONTRIBUIRE

 

E' possibile contribuire alle attività ed ai progetti della Fondazione:

 

 

Con un bonifico:

Fondazione Federico Ozanam – Vincenzo De Paoli – Onlus

BANCA PROSSIMA – IBAN: IT18F0335901600100000013394

 

Tutte le somme versate a favore della Fondazione a partire dall' 11/01/2010 (data di riconoscimento ONLUS) sono deducibili, nei limiti di legge, dalla dichiarazione dei redditi.

 

E' possibile destinare il "5 per mille"

 

Tramite la propria dichiarazione dei redditi si  può destinare il proprio 5 per mille indicando nello spazio apposito il codice fiscale (C.F. 96386120586) della Fondazione e apponendo la propria firma nella casella dedicata.

 

 

 

 

I